lettere + 2003, maggio Nadia

Carissimo Gerardo

sono appena ritornata dalle vacanze e leggendo la tua e-mail mi accorgo sempre di più di quanto sia difficile il nostro progetto. Ma questa non è una negatività, in quanto ciò significa che è un progetto veramente eccezionale e, come tutte le cose eccezionali, molto difficile da gestire.

Ma io ho fiducia in tutti noi, credo nei nostri sogni, nei nostri ideali e nelle nostre passioni, quelle che abbiamo ereditato da te e che abbiamo reso nostre a tutti gli effetti, credendo fermamente nel protagonismo dei ribelli della terra.

Non dobbiamo arrenderci. E' vero i deficit di gestione sono tanti, ma per quanto riguarda il gruppo dell'università posso assicurarti che procede molto bene ed è proprio nostra intenzione agire in modo sempre più autonomo. Del resto ne avevamo già parlato.

Ora ti saluto spero di abbracciarti presto

un bacio

Nadia